Come fare l’aerosol ad un bambino piccolo

Una impresa a volte impossibile
Un bambino che fa l’aerosol

Chi ha figli piccoli sa quanto possa essere difficile convincere un bambino a fare l’aerosol.  Una procedura che a noi adulti sembra del tutto pacifica, può risultare drammatica per nostro figlio, con relative grida di disperazione! Devo confessare che, per quanto riguarda la patologia otorinolaringoiatrica, l’aerosol-terapia trova – in realtà – scarsa applicazione.  Tuttavia, questo tipo di terapia, in alcuni casi, può rappresentare un importante aiuto per la risoluzione di patologie polmonari anche importanti.  Come risolvere il problema? Come convincere il nostro bambino a sottoporsi ad una terapia per la quale non nutre alcun interesse? Ho da poco scoperto una soluzione che potrebbe semplificarvi la vita.

Una soluzione intelligente

Ped Neb, una interessante ampolla per bambini.

Nel corso di un Congresso a cui ho recentemente partecipato ho scoperto dell’esistenza di una intelligente ampolla dedicata all’aerosol-terapia di neonati e bambini piccoli, denominata Pedi Neb e distribuita da Tred . Questo interessante dispositivo associa l’aerosol al ciuccio e sembra una buona soluzione per calmare un bambino di età inferiore ai 3 anni durante l’esecuzione del trattamento. L’ampolla può essere associata a qualsiasi macchina per aerosol tradizionale. Tuttavia, ci tengo a ricordare che non tutti i dispositivi per aerosol sono uguali e che spesso acquistare un buon dispositivo per aerosol-terapia può fare la differenza.  Si spiega anche per questo, la differenza di prezzo riscontrabile su Amazon tra un dispositivo come eFlow Rapid Pari (oltre 1000 Euro), ideale in caso di gravi patologie polmonari croniche ed un Sistema Nebula (meno di 100 Euro), ottimo per la terapia aerosolica del paziente medio.

 

 

 

 

Pubblicato da

Gianni Gitti

Specialista in Otorinolaringoiatria, Medicina del Sonno e Medicina Estetica

Lascia una commento

avatar
  Sottoscrivi  
Notificami