Le differenze tra esercitare la medicina e dedicarsi al Bricolage

Bellissima passione il Bricolage. Acquistare gli strumenti perfetti. Tagliare tutti i pezzi necessari a misura perfetta. Far sì che tutto si incastri alla perfezione. Verniciare e colorare nei modi più fantasiosi.  Ho bisogno di un tavolo nuovo? Compro i pezzi, lo assemblo e – se sono capace – ho il mio tavolo. Esattamente come lo volevo.

Bellissima passione la Medicina. Studi 15 anni tutti gli aspetti di una patologia. Ti aggiorni continuamente per conoscere le ultime novità. Assegni la cura consigliata da tutte le linee guida. Spieghi tutto per filo e per segno al paziente. Ma il paziente a volte non guarisce ugualmente.

Misure al centimetro contro un gioco di probabilità

Nel costruire il mio tavolo so con certezza che ho bisogno di una lastra di legno di 2 metri per 80 cm. Sarò considerato un bravo appassionato di Bricolage se riesco a tagliare la lastra esattamente con quelle dimensioni.

Quando devo curare una otite media acuta gli studi mi dicono che nella maggior parte dei casi ho a che fare con una infezione batterica da Streptococcus Pneumoniae o da Haemofilus Influenzae o da Moraxella Catarrhalis… Eppure guardando l’orecchio l’aspetto è lo stesso. Non trovo una targhetta che mi dice quale è il batterio responsabile dell’infezione. Potrebbe essere anche uno diverso da questi tre. Che problema! Non tutti gli antibiotici sono efficaci per tutti i batteri, soprattutto se è implicato un batterio diverso da quei tre. Dove trovo le istruzioni da leggere? Ahimè… non ci sono! Però io so che nel 90% dei casi il batterio responsabile è uno di quelli. Ok io ci provo! E’ la scelta più saggia.  Il paziente non guarisce? Allora qualcuno dirà che non sono un bravo medico. Forse avrei dovuto dare da subito l’antibiotico che poteva guarire il 10% dei casi piuttosto che quello che poteva essere utile nel 90% delle infezioni. 

Un tavolo realizzato a regola d’arte e un paziente guarito

Ok ci sono. Ho tagliato tutti i pezzi necessari per assemblare il mio tavolo. Adesso con cacciavite, trapano e viti lo metto insieme. Lo vernicio. Lo lascio asciugare. Sono stato molto preciso e scrupoloso. Un ottimo appassionato di bricolage. Infatti, adesso ho il mio bel tavolo nuovo. 

Col mio paziente non sono stato così fortunato. Gli ho dato l’antibiotico adatto nel 90% dei casi ma non è guarito. Mi ha scritto una mail lamentandosi e sostenendo che non sono un bravo medico. Si è rivolto ad un collega che ha visto la cura che gli avevo prescritto ed ha consigliato l’antibiotico adatto nel 10% dei casi. Adesso è guarito. Buon per lui. Il collega questa volta ha fatto un figurone. Altre volte ho fatto io un figurone sugli “errori” di altri. Una ruota che gira. Eppure ho studiato. Ho applicato le linee guida. Doveva guarire nel 90% dei casi. Che tristezza!

 

Quale dovrebbe essere il giusto costo per una visita medica?

Giusto costo: domanda spinosa

Discutere riguardo a quale possa essere il giusto costo per una prestazione medica è un argomento assai spinoso. Ho deciso di affrontare la questione poiché so che interessa molto le persone ed i pazienti. Sono sicuro che il presente articolo solleverà una fiorente discussione. 

Innanzitutto ci tengo a precisare che in questo articolo parleremo solo di prestazioni mediche specialistiche, lasciando da parte le prestazioni di medicina generale. In particolare, essendo io un medico specialista in otorinolaringoiatria, trovo corretto proporre una valutazione che riguardi, appunto, la branca otorinolaringoiatria. Tuttavia, credo che analoghe considerazioni potranno essere traslate ad altre specialità. Voglio inoltre subito avvertirvi che in fondo al presente post non troverete il prezzo che io ritengo giusto per una prestazione. Preferisco che siate voi a stabilire il giusto prezzo.

Quanto incide il tipo di assistenza sanitaria del paese

Non si può iniziare una trattazione di questo tipo senza precisare che il tipo di assistenza sanitaria garantita dallo Stato in cui il paziente risiede incide molto sull’idea di prezzo della prestazione medica.  In un paese come l’Italia in cui, almeno teoricamente, le prestazioni mediche specialistiche sono gratuite o erogate mediante ticket, il paziente si aspetta un costo medio delle prestazioni mediche molto basso. Basti pensare allo stupore che induce eseguire una prestazione medica specialistica negli Stati Uniti per un paziente residente in Italia. E’ assai frequente, infatti, negli Stati Uniti, vedersi recapitare fatture per prestazioni mediche con costi superiori anche di 5 volte quelli che si sosterrebbero in Italia. Analogamente, è facile comprendere come un cittadino abituato ad un sistema assistenziale assicurativo, rimanga stupito di ottenere prestazioni mediche private ad un costo 5 volte inferiore se si reca in un paese UE.

Elementi che incidono sul costo di una visita medica

Veniamo quindi a descrivere quali sono i principali fattori in grado di influenzare il costo di una visita medica. Ecco che, qui di seguito, mi appresto ad elencarne alcuni, sperando di non dimenticarne. Cercherò di eseguire un conteggio per difetto, ovvero considerando per tutte le voci in questione, il minimo possibile.

Formazione del Medico

Per giungere ad essere abilitato alla professione di medico specialista in Otorinolaringoiatria, una persona già diplomata presso un istituto superiore, deve studiare dai 10 agli 11 anni, a seconda dell’Ateneo e del tipo di Ciclo Formativo. Il costo annuale delle tasse universitarie, ovviamente, varia in base al reddito dell’iscritto. Tuttavia, ritengo che una cifra di 1000 Euro l’anno possa essere una media accettabile, forse bassa.  Le tasse sono dovute non solo per i 6 anni di ciclo comune ma anche per la specializzazione, per un totale di 10000-11000 Euro.  A questo aggiungiamo il costo del materiale didattico. Stabilendo una media di 9 materie l’anno ed un costo medio di ciascun libro di testo di 70 Euro, ecco che, solo di libri arriviamo a 3780 Euro complessivi.

Per quanto riguarda la specializzazione, fino al 2006 non era previsto alcun contributo per i medici in formazione. A partire dal 2006 è previsto un contributo mensile di circa 1200 euro per una attività ospedaliera che può arrivare alle 65 ore settimanali. L’attività di specializzazione non conferisce anzianità lavorativa e quindi gli anni di specializzazione non sono validi a fini pensionistici. Un medico veramente studioso esce dalla specializzazione all’età di 29 anni senza neppure un anno di contributi pensionistici.

Obblighi di legge per l’esercizio della Medicina

Per esercitare, il medico deve essere iscritto all’Ordine dei Medici della propria provincia di Residenza. Il costo dell’iscrizione varia da provincia a provincia con una media di 130 Euro annui. A questo si aggiunga il pagamento della quota ENPAM, l’istituto previdenziale dei medici, con 1400 Euro l’anno per gli iscritti oltre i 40 anni. I liberi professionisti dovranno inoltre versare 8800 Euro l’anno allo stesso ente. Obbligatoria per legge anche l’assicurazione professionale con una media di 2000 Euro l’anno per chi non esegue interventi chirurgici e 4000 Euro l’anno per chi li esegue.

Strumentazione medica

Il costo delle apparecchiature mediche varia da specializzazione a specializzazione. Mi limiterò qui a descrivere i principali strumenti necessari all’attività di otorinolaringoiatra per poi fornire alcuni esempi di altre discipline. Il costo per l’attrezzatura di base necessaria per l’esecuzione di una prima visita si potrebbe identificare in 5500 Euro. In questa cifra inseriamo solo l’attrezzatura base ovvero fonte di luce, luce frontale, ferri da visita, aspiratore, sterilizzatrice per ferri chirurgici.  Con una attrezzatura di questo tipo sono possibili, tuttavia, solo diagnosi di base. Tra gli strumenti indispensabili per una visita più accurata troviamo il fibrolaringoscopio (6000-7000 Euro), necessario per la visione endoscopia delle prime vie respiratorie e la colonna endoscopica (17000 Euro), necessaria a mostrare ed archiviare le immagini del paziente in modo da poterle confrontare nel percorso di cura. I prezzi si riferiscono, come detto, ad attrezzature di qualità sufficiente. Per attrezzature di grande qualità il costo può triplicare.

Tutti questi strumenti non permettono però di stabilire la soglia uditiva del paziente. Per farlo occorre un audiometro (6000 Euro) ed un impedenzometro (5000 Euro). Altro strumento utile per una visita approfondita dell’orecchio è un microscopico da orecchio (7000 Euro). La durata di vita media di questi strumenti, al netto di guasti comunque da considerare a parte, è di circa 10 anni. Tutti gli strumenti elettronici devono subire delle verifiche di sicurezza ogni due anni (200 Euro circa a strumento) ed una taratura semestrale della quale è difficile evidenziare i costi. Per fare un confronto con altre specializzazioni mediche, un ecografo base costa circa 40000 Euro.

Costi di base ambulatorio

Ai costi sopracitati aggiungiamo i classici costi sostenuti per mantenere aperto un ambulatorio medico: personale di supporto, luce, gas, affitto ecc. ecc. Aggiungiamo non facilmente precisabili costi di autorizzazione e mantenimento requisiti autorizzativi e di accreditamento.

Contenzioso Medico Legale

Il contenzioso medico-legale tra paziente e medico, negli ultimi 10 anni, ha subito una impennata vertiginosa. Le spese sostenute dalla classe medica per rivalse spesso di dubbia fondatezza, ha raggiunto il massimo storico. Lascio qui solo immaginare la parcella media di un avvocato per seguire un contenzioso in sete civile o penale.

Domanda

Quanto dovrebbe essere secondo voi il costo di una visita medica?