Sinusite o cefalea? Come orientarsi

Reading Time: 2 minutes

Sinusite Ricorrente o Cefalea?

blank

Sinusite: una patologia spesso sovrastimata.

A giudizio di chi scrive, la diagnosi di sinusite è una delle più abusate in ambito medico. Ovviamente, le sinusiti esistono e non sono infrequenti. Tuttavia sembra che quasi tutta la popolazione generale soffra di sinusite. Sicuramente è vero che quasi ad ogni episodio di raffreddore può associarsi un processo sinusitico transitorio. Tuttavia i sintomi della sinusite acuta “vera” sono molto caratteristici e debilitanti.

Oltre a questo, a mio giudizio, si confonde spesso la sinusite con episodi di cefalea di diversa natura. Questo porta molti pazienti a curarsi per presunte sinusiti senza mai arrivare a trovare la giusta e necessaria terapia per la loro cefalea. Su questo argomento si consiglia di leggere anche il Post “Mal di testa e sinusite: c’è sempre una relazione?“.

Come distinguere Sinusite Ricorrente e Cefalea?

blankLa prima cosa da fare per capire se si tratta di sinusite ricorrente o di cefalea è sottoporsi ad una visita otorinolaringoiatrica. Lo specialista sarà così in grado di valutare la sintomatologia riferita dal paziente e di correlarla con la presenza di segni caratteristici di sinusite.

In molti casi sarà opportuno corredare la visita di una fibrolaringoscopia flessibile o rigida per valutare eventuali anomalie anatomiche nasali.




Tra gli elementi caratteristici che possono aiutare a distinguere una sinusite da una cefalea troviamo:

  • Durata dei sintomi: Un attacco di sinusite difficilmente  dura meno di 2 giorni. Gli attacchi di cefalea, invece, hanno solitamente una durata più breve.
  • Sintomi associati: La sinusite non si associa mai a fenomeni di fotofobia (fastidio per la luce) e raramente di associa a sintomi vegetativi come nausea e vomito. Al contrario questi sintomi sono spesso presenti nella cefalea.
  • Risposta alla terapia farmacologica: Mentre un attacco di cefalea, di solito, risponde bene agli analgesici, una sinusite acuta solitamente non risponde bene a questo tipo di trattamento. Se l’assunzione di un anti-infiammatorio determina la risoluzione dei sintomi nell’arco di 30 minuti/un’ora, è più probabile che si tratti di una cefalea.

La valutazione di tutti questi elementi permetterà allo specialista di orientarsi verso l’una o l’altra patologia anche se occorre sottolineare come, nei casi dubbi, risulta assolutamente indispensabile l’esecuzione di una TC dei seni paranasali per evidenziare la presenza o assenza di una sinusite cronica di base.

0 0 votes
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments