Insufflazioni tubariche: cosa sono e quando sono indicate

Reading Time: 2 minutes

L’insufflazione tubarica è una pratica terapeutica che ha lo scopo di risolvere il fastidioso ovattamento auricolare, associato a volte ad abbassamento di udito.
Viene effettuata in ambulatorio su soggetti adulti da un medico otorinolaringoiatra, senza bisogno di sedazione. I bambini hanno diverse predisposizioni anatomiche e differenti quadri clinici in cui si consiglia l’esecuzione della manovra di Politzer, non analizzata in questa sede.




Quando sono indicate?


L’ indicazione principe all’insufflazione tubarica negli adulti è l’ototubarite catarrale, ovvero l’accumulo di liquido sieroso o catarrale nell’orecchio medio per una disfunzione della tuba di Eustachio.

tuba eustachio
La tuba di Eustachio è un canale che mette in comunicazione orecchio e faringe.


La sottile tuba di Eustachio è un condotto tra naso e orecchio medio.
Durante processi infiammatori nasali, spesso virali come il banale raffreddore o in caso di stati allergici, essa può essere coinvolta, può restringersi ulteriormente e perdere le proprie competenze, come il drenaggio di fluidi, che di conseguenza permarranno nell’orecchio medio.
Il soggetto lamenterà quindi ovattamento auricolare, eventuale abbassamento dell’udito, rari acufeni.
I sintomi possono risolversi spontaneamente in poche settimane oppure persistere nonostante terapie farmacologiche e quindi richiedere un intervento meccanico diretto, come l’insufflazione tubarica.

Come si esegue una insufflazione tubarica


Consiste nell’inserire lungo la fossa nasale un sottile catetere rigido, attraverso il quale indirizzare alla tuba di Eustachio un gas termale sulfureo con idonee proprietà terapeutiche o, in mancanza di acqua termale, una soluzione fisiologica nebulizzata.
La vaporizzazione deve possedere una spinta pressoria prestabilita, tale da riaprire la tuba, ripristinare il drenaggio e rimuovere le secrezioni catarrali ferme nell’orecchio.
L’insufflazione dura pochi minuti, deve essere eseguita bilateralmente salvo controindicazioni specifiche, ma la terapia completa comprende un ciclo fino a 12 sedute, da effettuarsi nell’arco di 2 mesi.

5 1 vote
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
6 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Lara Giacobelli
Lara Giacobelli
8 mesi fa

Salve! Soffro di ototubarite cronica,diagnosticata da poco..è fastidiosissimo..ho sempre le orecchie ovattate, sensazione di non sentire bene..ho lo scricciolio sempre nelle orecchie..insomma è una cosa molto fastidiosa che mi pirta ansia,che già ne soffro di mio,poi con questo problema mi è aumentata..l otorino mi ha prescritto lavaggi nasali con acqua termale e spray nasali. Non cambia niente sempre uguale,mi chiedo se c è qualcos altro da fare..

Gianni Gitti
Admin
8 mesi fa

Potrebbe provare ad utilizzare Otovent e – in caso di mancato miglioramento – eseguire le insufflazioni tubariche.

Aurelio Morise
Aurelio Morise
4 mesi fa

Salve, mi hanno rimosso un tappo di cerume ma il risultato è stato uno spostamento della membrana all’interno con conseguente perdita (spero momentanea) dell’udito.Da visita mi hanno riferito che non c’è lesione della membrana. Cosa mi consiglia di fare? Grazie

Gianni Gitti
Admin
4 mesi fa
Reply to  Aurelio Morise

Buongiorno, mi dispiace ma ho pochi elementi per consigliarla. Le conviene seguire le indicazioni date dai colleghi

Maria luisa massetti
Maria luisa massetti
1 mese fa

Ho tolto un coleastatoma all’orecchio destro di tipo 4, con perdita totale di udito, e mi stava intaccato anche la meninge , intervento fatto il 14 maggio, ho saputo che si possono trapiantare gli ossicini mancanti tipo staffa chiocciola, e martello, e stato leso anche il nervo. C’è qualche speranza di poter recuperare un po’di udito, e se è sì dove fanno questo tipo di intervento. Grazie

Gianni Gitti
Admin
1 mese fa

Mi dispiace ma non ho adeguata esperienza al riguardo. Cordialmente