Un palloncino per curare il nostro orecchio

Nov 13, 2017

1

Un palloncino per curare il nostro orecchio

Posted in : Orecchio, Otorinolaringoiatria on by : Gianni Gitti
  • ,
  • Un palloncino?

    Una volta una signora, non ricordandosi il mio nome, si è presentato in ambulatorio chiedendo del “dottore dei palloncini”.  Questo perché, in effetti, mi capita spesso di prescrivere questa terapia. A parte la simpatia della signora, i palloncini possono essere davvero utili! In particolare possono essere utili per la cura dei casi di disfunzione tubarica.

    I palloncini nella pratica medica?

    Ma davvero un palloncino?

    La maggior parte di voi starà pensando che stia parlando di un palloncino qualsiasi, ma ovviamente non è così. Il palloncino di cui sto parlando è Otovent, distribuito da Lofarma. Si tratta di un palloncino con una pressione di gonfiaggio controllata che permette, se utilizzato correttamente, di eseguire una vera e propria ginnastica tubarica.

    Quando può essere utile Otovent?

    Questo tipo di dispositivo può essere utile in diversi casi.  Ad esempio per trattare l’ otite media effusiva tipica dei bambini piccoli.  Nell’adulto,  Otovent può essere utile in tutti i quei casi in cui il paziente sente le orecchie ovattate, come in caso di disfunzione tubarica.  Il dispositivo può essere inoltre utilizzato per eseguire una ginnastica tubarica continuativa in soggetti che praticano immersioni o che volano spesso in aereo.

    Come si usa Otovent

    Il palloncino è corredato di una cannula nasale che permette il gonfiaggio attraverso il naso. In una prima fase attiva il soggetto gonfia il palloncino con una delle due narici tenendo chiusa l’altra con la mano. Nella seconda fase passiva il soggetto lascia sgonfiare il palloncino nel naso, inspirando leggermente e provando e deglutire.  Il palloncino deve essere gonfiato 3 volte al giorno (mattino, mezzogiorno e sera), una volta con la narice destra ed una con la sinistra. Ogni palloncino va utilizzato per 3 giorni, cioè serve per fare 18 insufflazioni, dopodiché il palloncino perde la sua efficacia terapeutica e quindi va gettato. La confezione contiene 5 palloncini e quindi permette una terapia della durata di 15 giorni.

    Controindicazioni e Precauzioni

    Prima di poter utilizzare otovent è sempre bene eseguire una visita otorinolaringoiatrica che escluda la presenza di patologie dell’orecchio. In particolare occorre escludere la presenza di infezioni attive e/o perforazioni del timpano. Da notare che il palloncino in dotazione non è sostituibile in alcun modo con i normali palloncini giocattolo perché è calibrato per esercitare una pressione fisiologica idonea e sufficiente ad aprire la tuba di Eustachio.

    E se non risolve il problema?

    Se questo tipo di approccio non risolve il problema, previa consulto con il vostro specialista di fiducia, potrebbe essere opportuno tentare con un ciclo di insufflazioni tubariche.

    Specialista in Otorinolaringoiatria, Medicina del Sonno e Medicina Estetica

    1
    Lascia una recensione

    avatar
    1 Comment threads
    0 Thread replies
    0 Followers
     
    Most reacted comment
    Hottest comment thread
    1 Comment authors
    Jenny Recent comment authors
      Subscribe  
    più nuovi più vecchi più votati
    Notificami
    Jenny
    Ospite
    Jenny

    L’uso di Otovent mi ha rovinato! al di là del dolore che ho accusato immediatamente dopo l’uso, mi ha “regalato” un fruscio costante (mai avuto prima) e un grave peggioramento degli acufeni! tra l’altro ho pure avuto conferme che non è vero che ho una disfunzione tubarica a differenza di quanto diagnosticatomi! e che in generale chi soffre di acufeni non dovrebbe aumentare la pressione che può solo incidere negativamente sulla funzione delle cellule sensoriali come infatti è successo … a qualcuno trarrà sicuramente beneficio, certo, ma a quanto pare le controindicazioni ci sono (mi era stato detto di no),… Leggi il resto »

    Vai alla barra degli strumenti