Male all’orecchio provocato da denti o gola: è possibile?

Nella pratica clinica capita molto spesso di vedere pazienti che si lamentano di dolore all’orecchio, la cosiddetta otalgia. In molti casi questo sintomo è dovuto ad una infiammazione dell’orecchio ma in altri l’orecchio non ha alcun problema. Infatti, in certi casi, il dolore all’orecchio è dovuto a patologie che hanno sede in altre regioni, in particolare denti e gola. In questi casi si parla di otalgia riflessa. Cerchiamo di capire qualcosa di più al riguardo.

Otalgia riflessa
L’otalgia non sempre è riconducibile ad un problema a carico dell’orecchio.

Otalgia riflessa da male alla gola

Si tratta della forma più frequente di otalgia riflessa ed è caratterizzata dalla contemporanea presenza di una faringite o di una tonsillite. Il paziente si lamenta per dolore alla deglutizione ed all’esame obiettivo il medico trova l’orecchio perfettamente in salute. Per la risoluzione di questo quadro è ovviamente indispensabile curare l’infezione alla gola. A questo proposito si consiglia la lettura del Post “Come togliere le placche alla gola“.

In rari casi sfortunati, l’otalgia può essere conseguenza della presenza di tumori a carico della tonsilla o del rinofaringe. In questi casi difficilmente il paziente si lamenta per dolore alla gola.

Otalgia da problemi odontoiatrici

In molti casi il dolore all’orecchio può essere provocato da una patologia odontoiatrica come ad esempio una carie a carico dei denti del giudizio. Più frequentemente l’otalgia è provocata da un disturbo a carico dell’articolazione temporo-mandibolare, ovvero del punto di unione tra mandibola e cranio. Questi disturbi sono estremamente frequenti, sopratutto nei pazienti affetti da bruxismo. Per bruxismo si intende l’anomala ed involontaria contrazione dei muscoli masticatori durante il sonno. I pazienti affetti da disturbo dell’articolazione temporo-mandibolare riferiscono spesso dolore all’orecchio. Questo dolore viene solitamente descritto come “una puntura di spillo”, intenso ma di breve durata. Di solito questo dolore va a periodi e dura molti mesi. All’esame obiettivo, l’otorinolaringoiatra troverà un orecchio perfettamente normale.

Pubblicato da

Gianni Gitti

Specialista in Otorinolaringoiatria, Medicina del Sonno e Medicina Estetica

Lascia una commento

avatar
  Sottoscrivi  
Notificami