Visita Cardiologica con ECG.

Le patologie cardiache rappresentano la principale causa di morte nel mondo. I ritmi frenetici della vita moderna sottopongono il nostro organismo ad uno stress elevatissimo che spesso - purtroppo - può ripercuotersi sulla funzionalità di uno degli organi indispensabili per la vita dell'uomo: il cuore.Campanelli di allarme di una funzionalità cardiaca non perfetta possono essere rappresentati da una facile affaticabilità e dalla comparsa di palpitazioni. Anche il semplice riscontro di un affanno eccessivo nel salire le scale o nel camminare suggeriscono la necessità di un accertamento cardiologico. Mediante esami non invasivi e perdendo non più di mezz'ora del proprio tempo, è possibile verificare che non siano presenti patologie in grado di farci perdere il nostro bene più prezioso: la salute.

    La visita cardiologica (nel nostro Istituto sempre associata all'esecuzione di un elettrocardiogramma) è la base necessaria ed imprescindibile di qualsiasi accertamento diagnostico–terapeutico cardiologico a cui il paziente debba sottoporsi.
    In una corretta prassi medica, quando il paziente ha o pensa di avere un problema di interesse cardiologico, la prima cosa che dovrebbe fare sarebbe quella di sottoporsi a una visita cardiologica e ad un elettrocardiogramma; sarà poi il cardiologo, in base ai riscontri effettuati nella visita stessa, a richedere o eseguire nella stessa seduta gli esami strumentali che ritiene più adeguati alle condizioni del paziente (es. EcocolorDoppler Cardiaco, ecodoppler carotideo, Test da sforzo, ECG dinamico sec. Holter, Holter pressorio nelle 24 h. e così via).

    Una Visita Cardiologica standard può essere suddivisa in 6 parti anche se la metodica deve essere adattata al paziente che il cardiologo si trova a visitare:
    1) Anamnesi. Si tratta di un vera e propria intervista per la raccolta della storia clinica del paziente, cioè di tutte le informazioni riguardanti il paziente e la sua famiglia che possono essere utili dal punto di vista cardiologico-cardiovascolare. L’Anamnesi deve essere il più approfondita possibile, in quanto, se ben condotta, permette spesso, già di per se stessa, di farsi un’idea abbastanza precisa del tipo di patologia (o non patologia) con cui ha a che fare. Ad esempio, nella diagnosi differenziale del dolore toracico, in cui entrano in gioco molte possibile alternative al dolore di origine cardiaca, è molto importante eseguire un’accurata ricostruzione delle caratteristiche qualitative e quantitative del dolore, oltre che dei fattori di rischio cardiovascolare eventualmente presenti. Un conto, per esempio, è un dolore toracico con caratteristiche atipiche (= non orientative per origine cardiaca) in una persona di 25 anni senza fattori di rischio cardiovascolare, un conto è invece un dolore tipico per origine cardiaca in una persona di età matura od anziana con fattori di rischio cardiovascolare. Un’anamnesi ben condotta è, nell’ambito della Visita Cardiologica, un primo passo importante e spesso risolutivo per arrivare ad una diagnosi corretta.
    2) Esame obiettivo. E' l’analisi di tutte le caratteristiche fisiche e semeiotiche (Semeiotica= Scienza dei segni, cioè di quegli indizi fisici o fisiopatologici del pazienti che possono indirizzare verso un sospetto diagnostico) del paziente, utili dal punto di vista cardiovascolare. Attraverso l’ispezione (=osservazione), la percussione, la palpazione e l’ascoltazione, eventualmente combinate,a seconda dei casi, con manovre particolari che il Cardiologo ritiene utili per la diagnosi, si ricostruisce un quadro fisico-obiettivo cardiovascolare del paziente che aggiunge un importante tassello all’Anamnesi per proseguire nella strada del completamento della Visita Cardiologica.
    3) Elettrocardiogramma (ECG). Anch’esso è di fondamentale importanza. Consiste nella registrazione esterna dei potenziali elettrici del cuore, cioè dell’attività elettrica del cuore; una corretta interpretazione dell’elettrocardiogramma consente di integrare le informazioni ottenute dalle precedenti parti della Visita Cardiologica con altre informazioni di tipo elettrico, che possono essere anche risolutive ; ad es. il riscontro di T negative profonde giganti in una miocardiopatia ipertrofica o quello di alterazioni di tipo ischemico (ischemia= carenza di ossigeno e sofferenza del muscolo cardiaco a causa di una sproporzione tra afflusso di sangue e consumo di Ossigeno), od ancora il riscontro di aspetti orientativi verso gravi patologie “elettriche” del cuore, anche a rischio di morte improvvisa, in pazienti che magari non hanno alcun disturbo. L’ECG non è un “optional”, ma fà parte integrante della Visita Cardiologica. Al tempo stesso, esso non può essere considerato “una Visita Cardiologica” (come spesso si sente dire), in quanto studia solo un aspetto del cuore, cioè quello elettrico.
    4) Analisi di eventuali altri esami strumentali e/o laboratoristici eseguiti in precedenza dal paziente. Da tale analisi possono scaturire conferme o smentite di ipotesi diagnostiche, comunque utili per ricostruire il “mosaico” clinico del paziente.
    5) Conclusioni. Dopo aver raccolto tutte le informazioni derivanti dalle “tappe” sopra riportate, si traggono delle conclusioni diagnostiche, che, se a volte sono sufficienti per concludere l’iter del paziente con la sola Visita Cardiologica, altre volte richiedono la programmazione di Esami Strumentali (che possono essere Ecocardiogramma, EcoColorDoppler Vascolare, test da sforzo, ECG dinamico sec. Holter, Risonanza Magnetica Nucleare, TAC, Scintigrafia Miocardica o Polmonare e così via, isolati o variamente combinati a seconda dei casi) per risolvere dubbi diagnostici ed arrivare ad una diagnosi il più possibile completa ed adeguata. Tali esami vanno comunque sempre mantenuti nell’”alveo” della Visita Cardiologica, in modo che, una volta eseguiti gli stessi, il Cardiologo possa “tirare le fila” del discorso globale, integrando le informazioni ottenute dalla Visita Cardiologica con quelle derivanti dagli esami strumentali. 6) Terapia: Solo dopo essere arrivati ad una definizione diagnostica del caso si può, in base a tutti gli elementi derivanti dai 5 punti precedenti, prescrivere o meno una terapia adeguata.

In conclusione, la buona conduzione di una Visita Cardiologica può essere paragonata alla ricomposizione di un “puzzle”, più o meno complicato e che, a seconda dei casi, può richiedere esami strumentali che di volta in volta il Cardiologo può richiedere; tali esami strumentali andranno, una volta eseguiti, esaminati dal Cardiologo per arrivare ad una definizione quanto più precisa possibile del caso. In casi selezionati, se il paziente è di base correttamente indirizzato, si possono eseguire Visita Cardiologica ed Esami Strumentali nella stessa sessione. In ogni caso, la Visita Cardiologica non deve mai mancare, per un corretto e completo inquadramento clinico Cardiovascolare del paziente.