Domande Frequenti

Per un problema di voce, al fine di controllare in modo puntuale lo stato di salute delle corde vocali è opportuno sottoporsi ad una visita otorinolaringoiatrica/foniatrica corredata dall'esecuzione di una fibrolaringoscopia. Presso i nostri ambulatori la fibrolaringoscopia viene eseguita solo su indicazione medica specialistica e mai compresa nelle visite otorinolaringoiatriche/foniatriche: questa scelta permette di ridurre i costi delle visite "semplici" per pazienti che non necessitano dell'accertamento. La fibrolaringoscopia può essere prenotata direttamente in associazione alla visita dal paziente o potrà essere eseguita in seguito ad una prima visita con lo specialista. L'esame fibrolaringoscopico non può essere eseguto disgiunto dalla visita specialistica otorinolaringoiatrica/foniatrica a meno che esso non venga richiesto da uno specialista esterno/interno che fornisca un referto scritto con la motivazione dell'accertamento.
Si. L'eventuale rimozione del cerume rientra nel costo della visita specialistica (45 Euro).
La tariffa "estrazione del cerume" (28 Euro) è riservata a soggetti esenti e portatori di protesi acustiche. Per tutti gli altri è necessario sottoporsi a visita specialistica completa.
Purtroppo senza vedere l'orecchio diventa spesso difficile consigliare una preparazione adeguata per l'estrazione. In generale utilizzare delle gocce emmolienti nei 5 giorni precedenti all'estrazione è consigliabile ma è sempre meglio aspettare il giudizio medico ed eventualmente spostare l'accertamento di qualche giorno.
No. Le visite sono esclusivamente accertamenti clinici e non strumentali: tramite la visita si può rilevare e risolvere un problema di cerume, otiti, sinusiti, ecc ecc ma non si potrà mai conoscere la capacità uditiva del paziente. In pratica per visita audiologica e otorinolaringoiatrica si intende il colloquio e la visita con il medico senza l'utilizzo di dispositivi tecnologici come ad esempio gli audiometri. La misurazione dell'udito, in termini medici ottenuta con l'associazione di esame audiometrico tonale ed esame impedenzometrico, può essere eseguita ma con un costo aggiuntivo rispetto alla visita (vedi tariffario).
Gli esami di base, consigliati per i bambini di età inferiore ai 7 anni, sono visita otorinolaringoiatrica, esame audiometrico infantile ed esame impedenzometrico. Attraverso questi tre accertamenti si riesce ad ottenere una valutazione complessiva ed efficace dello stato di salute del bambino. L'esame impedenzometrico non è indicato in caso di presenza di presenza di dolore a carico dell'orecchio, nel qual caso l'opportunità di eseguire l'accertamente sarà stabilita dopo la visita specialistica.
Le adenoidi sono un tessuto linfatico che cresce dietro il naso. Tutti i bambini hanno le adenoidi ma in alcuni questo tessuto cresce in eccesso determinando tutta una serie di sintomi (otiti, ostruzione nasale ecc). La presenza di adenoidi può essere "sospettata" da tutta una serie di fattori clinici ma la certezza può essere ottrnuta soltanto mediante l'esecuzione di una fibrolaringoscopia, ovvero passando una piccolissima telecamera all'interno del naso del piccolino per arrivare a vedere le adenoidi. E' buona norma eseguire questa procedura, per altro assolutamente indolore e facile in un bambino collaborante, soltanto qualora si rilevino le indicazioni all'eventuale rimozione chirurgica del tessuto linfatico. Per questo motivo, in prima istanza, si consiglia ai genitori di sottoporre il piccolo paziente ad una visita otorinolaringoiatrica corredata di esame audiometrico infantile ed impedenzometrico. Sarà poi il medico specialista ad indicare il percorso terapeutico più adatto al piccolo paziente.
Il medico specialista della nostra struttura referterà l'esame richiesto spiegando in prima persona il risultato al paziente ma quest'ultimo verrà rimandato al medico richiedente per il prosieguo della terapia. Il nostro medico specialista non può formulare una eventuale necessaria terapia senza sottoporre in prima persona il paziente a visita.
La differenza è totale. La visita audiologica è un esame clinico eseguito senza supporto di strumenti tecnologici (salvo l'uso di un microscopio), permette di rilevare e curare alcune patologie dell'orecchio. L'esame audiometrico è un esame strumentale che permette di quantificare la capacità uditiva del paziente.
No. Il catarro si accumula all'interno della cassa timpanica, una cavità che non comunica con l'orecchio esterno (a meno di perforazioni). Il processo catarrale deve essere risolto attraverso una adeguata terapia medica.
Si. In effetti per facilitare l'esecuzione dell'esame è opportuno nei due giorni precedenti l'esame, assumere due compresse di carbone vegetale dopo colazione, dopo pranzo, dopo cena; evitare i seguenti alimenti: verdura, latte, latticini, frutta, legumi e bevande gassate. Il giorno dell'esame è necessario essere a digiuno da almeno 6 (se compatibile con terapie in atto) ore e con la vescica piena. Salvo controindicazioni, (es. pazienti con patologie cardiache, per le quali sono indicate restrizioni nell’assunzione di liquidi) bere un litro di acqua e non urinare nelle due ore precedenti l'esame. Se l'appuntamento è nel pomeriggio, 6 ore prima fare un pasto leggero. Portare cartelle cliniche, esami di laboratorio e soprattutto precedenti ecografie. Assumere le eventuali terapie in corso secondo lo schema abituale.
Soltanto per i pazienti uomini è necessario depilarsi il petto prima dell'accertamento in modo da permettere un posizionamento agevole degli elettrodi toracici.
L'esame polisonnografico viene eseguito a domiclio del paziente. Per permettere un agile posizionamento del dispositivo da parte del medico in ambulatorio è opportuno presentarsi indossando una maglietta a maniche corte (che poi potrà essere indossata anche durante la notte) ed abiti comodi (preferibilmente una felpa aperta sul davanti). Le donne dovranno togliero lo smalto alle unghie delle mani per permettere il posizionamento del saturimetro. Sarebbe consigliabile non guidare la sera dell'accertamento per evitare di spostare il saturimetro. La mattina successiva, di norma, il paziente torna in ambulatorio per la rimozione dell'apparecchio ma in caso di specifiche e non modificabili necessità, il medico potrà istruire il paziente per la rimozione in autonomia dell'apparecchio che comunque dovrà essere riportato presso i nostri ambulatori entro e non oltre le ore 9:30 del giorno successivo.
Se vi sottoponete al pacchetto studio polisonnografico completo (comprensivo di visita, fibrolaringoscopia e polisonnografia) nella maggior parte dei casi si. Soltanto dopo l'esecuzione dell'accertamento il medico potrà stabilire la gravità della patologia e forumalre un programma terapeutico personalizzato per il paziente. Nella maggior parte dei casi la terapia potrà essere gestita direttamente dai medici del CRO senza intermediari esterni. In casi particolari o particolarmente gravi potrà essere necessario un appoggio presso altre strutture fino al ricovero. Il trattamento dei disturbi respiratori del sonno è, infatti, sempre multidisciplinare e si avvale della collaborazione di specialisti diversi. All'interno della nostra struttura convivono diversi specialisti in grado di valutare il problema sotto diversi aspetti ed il centro si avvale inoltre della collaborazione di validi specialisti esterni per le specialità non presenti in struttura.
Si. Tutti i pazienti che arrivano a valutazione logopedica e che non abbiano uno specialista medico esterno di riferimento che abbia consigliato il trattamento potranno, se lo riterranno opportuno e anche su valutazione delle nostre terapiste, sottoporsi ad una visita medica specialistica senza costi aggiuntivi.

Tipo di Quesito