Principali allergeni inalanti

Quali sono e loro caratteristiche.

Durante l'esecuzione dei prick test si testano i principali allergeni che potrebbero essere responsabili di rinite allergica. Gli allergeni in grado di determinare la comparsa della patologia sono numerosi e vengono distinti in stagionali o perenni a seconda che siano presenti soltanto in alcuni periodi dell'anno o durante tutto l'anno: tra i primi ricordiamo le graminacee, tra i secondi gli acari della polvere ed i peli di gatto e cane.

La concentrazione degli allergeni può essere diversa a seconda dei periodi dell'anno e delle zone del Paese in cui si vive: per questo motivo può essere utile conoscerne la diffusione e dislocazione al fine di programmare un corretto calendario terapeutico.

Allergeni Stagionali: Si tratta di quelli allergeni che sono presenti soltanto durante alcuni periodi dell'anno.

Le Composite, note anche come Asteracee sono una vasta famiglia di piante dicotiledoni dell'ordine Asterales. È la famiglia di spermatofite con il maggior numero di specie. La famiglia ha una distribuzione cosmopolita, che si estende nelle regioni temperate di America, Europa, Africa e Asia. È presente con un gran numero di specie anche in Italia. Tra di esse ricordiamo: lattuga, tarassaco, radicchio, la cicoria, carciofo, topinambur, girasole, assenzio, camomilla, calendola.

Le Poaceae sono una famiglia di piante angiosperme monocotiledoni appartenente all'ordine Cyperales, comunemente conosciute anche come Graminacee o Graminaceae. Si tratta di piante erbacee, perenni o annuali.I fiori sono sempre raccolti in infiorescenze denominate spighette, distintive della famiglia. La spighetta, che può essere uniflora o, più frequentemente, pluriflora, è provvista di un asse (rachilla) portante alla base le glume, opposte, con il significato di brattee sterili. Le glume sono generalmente più piccole delle glumette e si distinguono in superiore e inferiore (lemma), generalmente di grandezza diversa. Le glume possono essere carenate e, più raramente delle glumette, portano aculei e ariste (dette anche reste) consistenti in prolungamenti filiformi. Le forme non aristate sono dette mutiche. L’ erba canina o gramigna è la pianta infestante più conosciuta al mondo. É molto competitiva e presenta un esteso apparato radicale, che può arrivare fino a 2 metri di profondità. Viene anche utilizzata in tappeti erbosi con clima caldo, vista la sua elevata resistenza al calpestamento.L’erba codolina è una pianta perenne, di taglia alta (80-140 cm) che cresce spontaneamente. È una delle erbe più comuni e rappresenta la principale risorsa alimentare degli animali. L’erba codolina risulta essere resistentissima alle basse temperature ed all’acidità, predilige infatti ambienti umidi e freddi, senza sbalzi termici eccessivi e terreni da neutri ad acidi, non troppo sabbiosi o secchi, mentre non riesce a sopravvivere in condizioni di aridità prolungata.L’erba fienarola, detta comunemente erba fienarola è una pianta erbacea estremamente diffusa e per questo talvolta considerata infestante. E’ una specie di eccezionale longevità che forma un fittissimo e fine manto verde scuro, grazie all’emissione di lunghi e numerosi rizomi sotterranei. La specie non tollera l’acidità del terreno; tollera caldo e siccità, ma predilige clima fresco. Il periodo di fioritura delle erbe, a seconda del tipo, va da aprile a settembre.

La gramigna rossa (Cynodon dactylon) è la pianta infestante più conosciuta al mondo. È della famiglia delle graminacee, molto competitiva, presenta un esteso apparato radicale, che può arrivare a 2 metri di profondità. Viene anche utilizzata in tappeti erbosi con clima caldo, vista la sua elevata resistenza al calpestamento. Volgarmente è anche conosciuta con il nome di erba canina. Nonostante sia una graminacea, le proprietà allergeniche dei suoi pollini si distinguono dalle altre piante della famiglia.

Il Cipresso è una pianta perenne sempreverde, di taglia alta (10-20 m). Originaria dell’Arizona, è stata importata in Europa nel XIX secolo a scopo ornamentale e di riforestazione. Viene coltivata nelle zone sempreverdi mediterranee e nelle area montana delle querce e del castagno (100-1300 m) ed è utilizzato per scopi ornamentali, come siepe frangivento e per rimboschimento. Il Cupressus arizonica risulta essere resistente alle basse temperature. Il periodo di fioritura dura da Dicembre/Gennaio fino ad Aprile.

Il cipresso comune (Cupressus sempervirens, L.) è una conifera appartenente al genere Cupressus.Il cipresso mediterraneo è un albero sempreverde che raggiunge i 25 m, ma negli esemplari più vecchi può arrivare anche oltre i 50 m.

La Parietaria officinalis (Parietaria officinalis, L.) o erba vetriola (anche detta erba vento, gamba rossa o muraiola) è una pianta della famiglia delle Urticaceae e quindi parente stretta dell'ortica. Il genere Parietaria comprende specie erbacee annuali o poliennali originarie delle regioni a clima temperato-caldo. E’ diffusa negli ambienti asciutti ed è spontanea nei luoghi incolti, sulle rocce e sui vecchi muri (da cui il nome comune di Erba muraiola). La Parietaria è una pianta erbacea dall’aspetto cespuglioso con periodo di fioritura molto lungo. La fioritura è molto lunga e si protrae dal mese di Marzo a quello di Settembre. La pianta si caratterizza per una emissione di grandi quantità di pollini.

L'olivo o ulivo (Olea europaea L., 1753) è una pianta da frutto. Originario del Vicino Oriente, è utilizzato fin dall'antichità per l'alimentazione. I suoi frutti, le olive, sono impiegate per l'estrazione dell'olio e, in misura minore, per l'impiego diretto nell'alimentazione. A causa del sapore amaro dovuto al contenuto in polifenoli, l'uso delle olive come frutti nell'alimentazione richiede però trattamenti specifici finalizzati alla deamaricazione (riduzione dei principi amari), realizzata con metodi vari. È un albero sempreverde molto longevo: in condizioni climatiche favorevoli un olivo può diventare secolare o millenario. Da maggio alla prima metà di giugno, secondo la varietà e la regione, ha luogo la fioritura, piuttosto abbondante. In realtà la percentuale di fiori che porteranno a compimento la fruttificazione è ridottissima, generalmente inferiore al 2%.

Alternaria alternata è un fungo ascomicete parassita delle piante. È presente su più di 380 specie. Attacca soprattutto le foglie (su cui provoca macchie e disseccamenti), ma anche altri organi delle piante. Sugli esseri umani può provocare manifestazioni allergiche (tra cui asma) in persone sensibili o debilitate. L’Alternaria è una muffa ubiquitaria che si ritrova su materiale organico in decomposizione (frutta, piante) e in colonie, che si sviluppano su carta da parati, tappeti, terriccio e foglie di piante ornamentali presenti all’interno delle abitazioni.

Platanus Occidentalis noto anche come Platano occidentale, o Platano americano, è una pianta appartenente alla famiglia delle Platanaceae, originaria del Nord America. In Nord America è chiamato anche sicomoro, un nome comune che, in altre parti del mondo, si riferisce a un tipo diverso di piante. Il platano occidentale è originario degli Stati Uniti e del Canada,con un areale che si estende dagli stati che si affacciano sull'Atlantico fino alle Grandi pianure e dall'Ontario al Texas Si trova su terreni molto umidi o anche paludosi. Nelle vallate dei fiumi Ohio e Mississippi vi sono gli esemplari più imponenti. In America è coltivato per ricavarne legname da usare per ebanisteria e per farne mobili. È coltivato anche in Argentina e in Australia.Il Platano occidentale non è presente allo stato spontaneo in Italia, dato che è stato introdotto in Europa dagli Stati Uniti nel XVII secolo e qui si è ibridato spontaneamente con il Platano orientale dando vita al Platano ibrido ben più diffuso in Italia.

La Betulla Pendula è una pianta della famiglia delle Betulaceae che può raggiungere i 30 metri di altezza. La Betula pendula (o Betula alba var. verrucosa) è diffusa dai Balcani all'arco alpino e in tutta l'Europa atlantica e l'Asia. In Italia è presente particolarmente in Piemonte (ove oggi si stimano oltre 20.000 alberi di questa specie) ed in Lombardia; si ritrova nell'Appennino settentrionale, in alcune stazioni isolate in Abruzzo, nell'Appennino campano e sull'Etna. Le betulacee hanno una pollinazione precoce (marzo-maggio) causando una pollinosi invernale o pre-primaverile.

Allergeni Perenni: Si tratta di quelli allergeni che sono presenti durante tutto l'anno.

Pelo e forfora di cane. Questo animale è diffuso su tutto il territorio italiano.

Pelo e forfora di gatto. Questo animale è diffuso su tutto il territorio italiano.

Gli acari della polvere rappresentano certamente gli allergeni perenni più insidiosi da debellare. Gli acari appartenenti alla specie Dermatophagoides farinae rappresentano insieme agli acari appartenenti alle specie Dermatophagoides pteronyssinus ed Euroglyphus maynei, il 70-92% degli acari presenti nella polvere raccolta dal pavimento ed oltre il 90% di quelli presenti nel materasso. Il Dermatophagoides farinae e il Dermatophagoides pteronyssinus sono quindi senz’altro le specie più diffuse e maggiormente studiate. Da un punto di vista pratico, la reattività crociata tra le due specie è così elevata che le due fonti allergeniche sono sostanzialmente non distinguibili. Esistono delle orme di buona condotta per ridurre l'esposizione a questi allergeni.

Pagina a cura del Dr. Gianni Gitti